Registrazioni di Bob Marley e The Wailers Live trovate nel seminterrato dell’Hotel

Diverse registrazioni dal vivo del leggendario gruppo reggae giamaicano Bob Marley and the Wailers sono state salvate per caso da un umido seminterrato di un hotel. Le registrazioni su nastro analogico a bobina sono state trovate che soffrivano di danni causati da acqua, muffa e sporcizia durante la liberazione di un hotel a Little Venice vicino a Londra, nel Regno Unito. Mentre inizialmente i nastri sembravano irreparabili e destinati alla spazzatura, un restauro di due anni di Martin Nichols, un ingegnere del suono, ha salvato le dieci registrazioni storiche.

I nastri comprendono registrazioni di concerti suonati dai musicisti giamaicani negli anni ’70 al Lyceum Theatre nel West End di Londra, al Rainbow Theatre di Finsbury Park e al Pavillon Baltard di Parigi. Le registrazioni sono di alcune delle canzoni più iconiche di Marley, tra cui “No Woman, No Cry” e “Jammin”. I concerti sono stati registrati quale era l’unico veicolo da studio mobile disponibile nel Regno Unito, che è stato prestato al gruppo dai rocker britannici The Rolling Stones.

Jon Gatt, un uomo d’affari di Londra, ha salvato le registrazioni. Secondo Gatt, aveva un amico che lavorava per il nulla osta dell’hotel che lo chiamava per parlargli dei nastri. I nastri erano in partenza per la discarica quando ha ricevuto la chiamata, ha detto Gatt. Gatt ha quindi chiesto al suo vicino, il cantante jazz Louis Hoover, cosa fare dopo, e Hoover ha detto, quando ha visto le etichette e le note a piè di pagina sui nastri, “non riuscivo a credere ai miei occhi”. Il grave danno all’acqua lo preoccupava, tuttavia, con “cuccetta plastificata che trasuda da quasi ogni centimetro.” Alla fine fu collegato con Nichols a Weston-super-Mare.

Nichols notò che avrebbe dovuto dire di no quando vide le condizioni dei nastri, ma il suo restauro “scrupoloso” fu un “lavoro d’amore”. Quando sentirono i nastri per la prima volta, Hoover ricordò che erano “immediatamente trasportati indietro in tempo”. Soprattutto Joe, visto che era stato lì in mezzo alla folla al Lyceum il 18 luglio 1975, quando aveva solo 22 anni, con un biglietto di riserva di un amico “.

I nastri e l’audio ripristinato digitalmente sono stati venduti all’asta da Omega, una casa di aste nel Merseyside, in tre lotti il ​​21 maggio 2019, ciascuno stimato a un prezzo base di £ 25.000.

Fonte: The Guardian

Post Author: 4:20 Time